Mediazione scolastica

Il docente mediatore

Il docente mediatore si occupa di ascoltare attivamente coloro che si trovano in difficoltà per aiutarli ad individuare una soluzione al loro problema. Offre consulenza in vari ambiti, conosce e sa interagire con le reti di sostegno interne ed esterne all’istituto scolastico. Il suo servizio si rivolge soprattutto agli apprendisti.

Quando rivolgersi al docente mediatore

Quando si percepisce un disagio e si vorrebbe parlarne con qualcuno, indipendentemente dal problema. Le difficoltà che si potrebbero manifestare possono essere di:

  • Natura conflittuale con le/i compagne/i di scuola, con i professori ma anche nella propria sfera privata e sociale;
  • Situazioni di disagio o percepite come ingiuste;
  • Derivanti dal rapporto di tirocinio;
  • Legati alla propria sfera sessuale o di salute;
  • Di dipendenza;
  • Alimentari
  • Nell’allestimento di lettere o formulari;
  • Altro

Il docente mediatore non interviene dove il problema rientra chiaramente nelle competenze di altre persone quali la direzione, i docenti di classe e gli ispettori. In questo caso, il docente mediatore può solo favorire il dialogo fra le parti.

Come prendere il contatto

La richiesta deve partire dalla persona che percepisce il disagio. Solo in casi eccezionali il docente mediatore prende l’iniziativa. La sua presenza, salvo eccezioni, è garantita tutte le mattine. Può essere contattato personalmente nel suo ufficio oppure inserendo una richiesta scritta nella buca-lettere esposta al 1° piano.

Santina Negrini : santina.negrini@edu.ti.ch

Katia Taddei: katia.taddei@edu.ti.ch

Gabriella Papa: gabriella.papa@edu.ti.ch

Discrezione

Il docente mediatore è legato al segreto d’ufficio. I colloqui si svolgeranno in un contesto di assoluta fiducia e qualunque accordo, strada da intraprendere o soluzioni da adottare saranno sempre discusse assieme alla persona che ha fatto la richiesta.